Alla Camera dei Deputati. Palazzo San Macuto. Importante celebrazione per Alessandro Manzoni con Pierfranco Bruni

Roma – Palazzo San Macuto – Camera dei Deputati – Importante manifestazione per i 150 anni dalla scomparsa di Alessandro Manzoni – Una serata ricca di riflessioni e di relazioni con una sala affollata
Dopo l’indirizzo di saluto del Presidente del Camera Lorenzo Fontana, consegnato al Presidente della Capitale Italiana del Libro Pierfranco Bruni, sono seguiti i vari interventi.
Da Luciano Lanna, Presidente del Centro per il Libro e la Lettura del Mic, a Carlo Parisi, Segretario generale della Figec, dal Sindaco di San Lorenzo del Vallo Vincenzo Rimoli, il primo comune insieme a Milano a Patrocinare il Progetto “Manzoni 150”, ad Anna Maria Tripodo, Dirigente alla cultura della Città Metropolitana di Messina.<br>Pierfranco Bruni, ideatore e coordinatore scientifico “Manzoni 150”, Presidente Commissione “Città Capitale del Libro 2024 MiC”
Presente per l’occasione, alla serata, l’intera Giunta comunale del Comune di San Lorenzo del Vallo, Cosenza, guidata dal sindaco e dagli assessori. L’attrice Floriana La Rocca ha letto dei brani di Manzoni. Sono seguite le relazioni di Stefania Romito (curatrice del Volume), di Maria Teresa Alfonso, Rosita Paradiso, Arianna Angeli, Ippolita Patera, Franca De Santis, Pasquale Motta, Franco Antonio Pinardi.
Pierfranco Bruni ha introdotto e coordinato il tutto enucleando le tematiche centrali e gli obiettivi del progetto manzoniano.
Le scuole che hanno aderito al progetto sono il Brutium di Cosenza, il Casalini di San Marzano di San Giuseppe Taranto, il Liceo di Manduria e il Liceo Mazzatinti di Gubbio. Tutte rappresentate a Palazzo San Macuto.
L’incontro ha posto in essere le chiavi di lettura che hanno intersecato e interessato tutta l’opera di Manzoni attraverso riferimenti storici, filosofici e letterari. Elementi espressi anche da Luciano Lanna e Carlo Parisi.
Pierfranco Bruni ha dichiarato che «Manzoni è il punto di riferimento tra Otto e Novecento con tutta la sua opera sino agli scritti filosofici che mettono in evidenza una forte cristianità».
D’altronde il pensiero espresso dal Presidente della Camera ha come punto centrale proprio ciò, quando afferma: «Manzoni è stato uno degli scrittori che ha maggiormente sostenuto i valori della religione cristiana. Attraverso i suoi personaggi e i loro dialoghi, egli ebbe, infatti, anche il merito straordinario di evidenziare la forza della fede, consentendo al lettore di riconoscere non solo il male, rappresentato, per esempio, dalla sopraffazione di uomini su altri uomini, ma anche di stupirsi di fronte alla potenza del perdono. Al centro dell’opera manzoniana ci sono gli umili, le persone semplici, che la storia sembra ridurre a vittime dei potenti. Gli umili di Manzoni sono portatori di una profonda saggezza e di umanità».

Lo studio su Manzoni è composto di 33 saggi. Un Volume alla cui stesura hanno aderito esperti della cultura letteraria e filosofica.
Un incontro straordinario, dunque, che ha aperto nuove indicazioni proprio tra i lavori del primo Novecento e gli studi moderni.
La serata ha posto in essere l’interesse per un Manzoni da rileggere come modello culturale. Il prossimo appuntamento è fissato a Gubbio il 2 febbraio. Scuola e territorio si confronteranno con la tradizione manzoniana.